Nel mese di novembre Coop.21 entra ufficialmente nella rete Umana Persone, una “rete composta da tredici imprese sociali e offre soluzioni personalizzate per la cura e il benessere della famiglia, dei lavoratori e della comunità.”

Umana persone offre servizi assistenziali specializzati, prestazioni infermieristiche, percorsi educativi e di tutoraggio scolastico per minori e servizi specialistici legati ai disturbi dell’apprendimento, consulenze psicologiche e supporto per disbrigo pratiche, consulenze, traduzioni e mediazione linguistica per lavoratori e famiglie immigrate.

Ecco l’intervista alla nostra presidente Verusca Banci:

Da dove deriva la decisione di entrare nella rete UP?
Quando la rete Umana Persone si è costituita, la nostra cooperativa è stata invitata fin da subito a partecipare, ma ancora per noi non era il momento ‘giusto’. Ci siamo avvicinati a UP perché ne fanno parte alcune cooperative del Consorzio Metropoli, a cui aderiamo, e con le quali condividiamo una visione comune: l’idea di andare oltre al mero servizio in appalto e l’interesse ad offrire servizi privati che rispondano a bisogni diffusi nel territorio in cui operiamo.

In quali territori e settori opera Coop21?
Operiamo principalmente nella zona fiorentina sud est (14 Comuni) ma il nostro intervento si estende a tutta la Città Metropolitana di Firenze. Inizialmente gestivamo servizi socio educativi rivolti alla fascia giovanile (educativa di strada, Centri giovani, Informagiovani, laboratori scolastici), poi abbiamo ampliato le nostre aree d’intervento ai servizi per il lavoro (Sportelli lavoro, Orientamento) e ai servizi per l’infanzia (gestione scuole infanzia). Nel tempo, rilevando bisogni emergenti sul territorio, abbiamo iniziato a proporre servizi privati di tipo educativo socio sanitario e assistenziale, come centri estivi per minori, consulenza psicologica, mediazione familiare, orientamento, sostegno scolastico, trattamento dei disturbi dell’apprendimento.

Abbiamo poi ideato lo Sportello Badanti, un servizio di incrocio della domanda e dell’offerta di assistenza familiare che offra alle famiglie bisognose di servizi di cura personale selezionato e qualificato.
Eroghiamo questo servizio sia in convenzione con Enti locali (ad esempio con l’Unione Comunale del Chianti fiorentino), sia in forma privata in tutti gli altri territori.

Quale può essere per una realtà come la vostra il valore aggiunto che deriva dall’entrare a far parte della rete?
Rispetto ai servizi che offriamo e ai progetti su cui stiamo lavorando abbiamo visto in UP una risorsa: un’opportunità per sviluppare attraverso la rete i nostri servizi e ampliare le aree geografiche di intervento, ma al tempo stesso anche la possibilità di far conoscere e trasferire i modelli da noi sperimentati ad altri soggetti della rete. Nutriamo quindi buone aspettative e abbiamo già partecipato nei mesi precedenti, con molto interesse, ai gruppi di lavoro organizzati.

Recent Posts
Contattaci

Start typing and press Enter to search