I pericoli della rete: le medie di Londa incontrano le Educatrici di strada

Un nuovo progetto ha visto coinvolte le nostre operatrici Agnese e Caterina dell’equipe EDS Valdisieve: una serie di incontri con le classi seconde e terze della secondaria di primo grado della secondaria di Londa (IC D. Da Settignano) sul tema “I pericoli della rete“.
Giovedì 28 novembre nelle classi seconda e terza media di Londa hanno parlato dei pericoli che possiamo incontrare su i Social Network.
Da anni le equipe di Educativa di strada utilizzano i nuovi canali di comunicazione per raggiungere l’utenza e condividere le nuove tendenze e i contenuti che circolano in rete. Ciononostante gli educatori di strada sono sempre convinti che il loro utilizzo debba essere critico e ragionato, per questo motivo affrontano spesso nei luoghi deputati al lavoro di strada (piazze, panchine, muretti, circoli, giardini…) l’argomento dell’utilizzo consapevole e sicuro delle nuove tecnologie, perché si può navigare in rete e divertirsi ma con prudenza e in sicurezza.

Il racconto dell’incontro direttamente dalle nostre Educatrici di strada

Quotidianamente incontriamo e trascorriamo del tempo insieme a giovani ed adolescenti, non potendo far a meno di osservare quanto tutti utilizzino il telefono per andare su internet. Le motivazioni sono varie, tra le maggiori: i social network e i giochi online. I ragazzi sono sempre connessi! Per questo abbiamo sentito forte l’esigenza di costruire un progetto che ci aiutasse ad affrontare con i ragazzi sul tema de “i pericoli della rete”, certe che internet può essere uno strumento utile se utilizzato in modo adeguato e consapevole.

Giovedì 28 novembre abbiamo, quindi, trascorso la nostra mattina con le classi di seconda e terza media della scuola di Londa. I gruppi avevano precedentemente incontrato i Carabinieri con cui avevano già affrontato l’argomento della sicurezza in rete.

Il gioco per parlare dei pericoli della rete

Attraverso il gioco, coinvolgendo attivamente la classe, abbiamo riflettuto insieme sull’utilizzo che ognuno fa di internet, cercando di capire per cosa i ragazzi stanno connessi e per quanto tempo durante un giorno. Il quadro che è emerso dal nostro incontro ha confermato l’idea che ci eravamo già fatte. La maggior parte dei partecipanti hanno affermato di trascorrere molto tempo online (anche più di tre ore al giorno), poco controllati dai genitori e senza usufruire delle “impostazioni di sicurezza” che facilmente possono essere attivate nelle varie app.

Era per noi importante concludere il nostro intervento dando dei consigli e delle indicazioni per aiutare a muoversi in modo sicuro nella grande – quanto pericolosa – rete di internet.

Caterina e Agnese
Educatrici di strada Valdisieve

i pericoli della rete
i pericoli della rete
Post recenti
Contattaci

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

Open Micvisita d'istruzione al Museo Galileo